Quando il cane è nervoso

I cani sono come gli umani (il che non vuol dire che sono umani): hanno il loro carattere, la loro personalità, i loro gusti, sia in fatto di cosa amano sia di cosa da loro fastidio, e come gli umani risentono delle esperienze che fanno e di ciò che accade loro e intorno a loro.

Il parallelo con gli umani non finisce così perchè, come gli umani, anche i cani ad un certo punto non ne possono più e come gli umani, anche i cani possono essere innervositi.

Come succede negli umani, anche nei cani c’è chi nasce più nervoso e sensibile agli eventi e chi invece magari è solitamente calmo ma a causa di un evento o di una situazione, si innervosisce e un cane nervoso non è proprio piacevole da avere vicino (e anche qui il parallelo con gli umani è accecante 🙂 ) e deve essere aiutato visto che, non lo si ricorda mai abbastanza, da soli non possono nemmeno fare nulla povere creature.

Come si manifesta il nervosismo nei cani?

I segnali sono dati sia dal corpo (il famoso linguaggio del corpo) sia dal comportamento. Eccone alcuni:

  • bianco degli occhi più pronunciato
  • sguardo teso e vigile
  • sguardo diretto e intenso
  • evita il contatto con gli occhi
  • sbatte gli occhi eccessivamente, o per niente
  • orecchie erette o tirate indietro
  • bocca tirata e/o labbra tirate indietro in una specie di grigno
  • vocalizza: ad esempio, abbaia in modo eccessivo, piange, si lamenta, ringhia
  • da la zampa
  • gira la testa e il corpo lontano da ciò che lo preoccupa
  • assume una postura piegata, si restringe tutto, come se non volesse farsi vedere
  • si blocca e rifiuta di muoversi
  • sbava in modo eccessivo
  • sbadiglia
  • cambia la respirazione – che può diventare più accelerata o rallentata o può addirittura trattenere il respiro
  • i polpastrelli sudano
  • tremori
  • spela
  • fa i bisogni in casa
  • è disinteressato al cibo
  • beve in modo eccessivo
  • si lecca
  • si gratta
  • monta – persone, oggetti, altri cani
  • si mette sulla schiena e mostra la pancia
  • si appoggia alla sua persona di riferimento
  • cerca di nascondersi dietro la sua persona di riferimento
  • cerca più attenzioni del solito
  • rosicchia
  • cerca di nascondersi
  • ha un aspetto sonnolento o depresso
  • o al contrario, è iperattivo
  • e/o difensivo
  • cammina avanti e indietro

Vediamo alcune tra le cause più comuni di nervosismo nei cani:

#. Sentirsi poco bene: un cane che si sente poco bene può essere nervoso e più reattivo del suo normale, sia in casa sia, ancora più probabile, se è esposto al mondo esterno e a tutti i suoi stimoli. Un cane cattivo‘, che magari morde, può semplicemente essere un cane che si sente male e non è gestito adeguatamente e correttamente dagli umani da cui dipende.

#. Cambiamenti: l’arrivo di un bambino, la perdita di un compagno cane, la perdita di un umano, un viaggio, un trasloco sono tutti eventi che possono essere molto stressanti e fonte di nervosismo per i cani

#. I rumori: petardi, campane, motociclette, allarmi, sirene, campanelli, citofoni e chi più ne ha più ne metta. La sostanza è, una delle cause di nervosismo per i cani possono essere i suoni (Oban ad esempio diventa pazzo tanto da essere ingestibile, quando sente le Harley Davidson; non i motorini, non le moto in generale, solo le Harley). Sembra che nei cani esista una correlazione tra reattività ai suoni e dolore.

#. Il veterinario: le visite dal veterinario possono essere, anzi, solitamente sono, essere fonte di grande stress e nervosismo per i cani ed è stato scoperto che sono suggeribili numerosi miglioramenti sia da parte dei medici sia da parte dei proprietari nella gestione delle visite dal veterinario.

#. Situazioni nuove e inaspettate: situazioni nuove e inaspettate possono essere causa di nervosismo per i cani. Motivo per cui i cani devono essere preparati alla vita così da avere le competenze necessarie per affrontare ciò che si incontrerà sul cammino dell’esistenza.

#. Le persone e gli altri cani: i cani sono tutti diversi uno dall’altro e per alcuni gli incontri ravvicinati con persone e/o altri cani sono penosi e fonte di ansia e stress.

Come si può aiutare un cane nervoso?

Prima di tutto bisogna capire quale è la causa del suo malessere.

Se è un nervosismo circostanziato – ad esempio dovuto a suoni, si cerca di allontanarsi dal rumore molesto e ci sono medicinali naturali (per i quali bisogna rivolgersi al veterinario) che possono aiutare ad affrontare la situazione momentanea; se invece la causa del disagio è più strutturale (parola poco precisa ma non me ne viene una migliore in mente ora), come ad esempio la difficoltà ad affrontare un trasloco o la perdita di un compagno, o addirittura le semplici uscite, è necessario rivolgersi ad un educatore cinofilo professionista, serio e preparato, che valutando la vita del cane, stabilirà il percorso da seguire e accompagnerà cane e proprietario nel lavoro da fare  per migliorare la situazione.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.