La posizione dei cani nel mondo è complicata. Lo vediamo continuamente.

I cani sono animali, articolati e complessi, con tante caratteristiche in comune con gli umani e allo stesso tempo tante caratteristiche animali, hanno il loro codice di comportamento, la loro comunicazione e vivono con gli umani, nel mondo degli umani, e dipendono totalmente dagli umani.

Mica facile, nè per loro nè per gli umani.

L’argomento di oggi è, a mio parere, emblematico di questa complessità.

Il caso è una situazione realmente accaduta.

Due cani, un maschio e una femmina, che si conoscono da tanto, sono sciolti entrambi e si incontrano al giardino. Lei lo odora, lui si gira, la attacca e tornati a casa si scopre che l’ha morsa. Il proprietario del cane che ha attaccato non gli dice nulla. L’altro proprietario prende il suo e lo porta via.

Come si interpreta l’accaduto?

Sicuramente viene spontaneo vedere la situazione così: Il cane che ha morso è cattivo e il proprietario avrebbe dovuto punirlo.

Se fosse così semplice però non staremmo qui a scriverne e infatti la questione è più complicata di quello che si può pensare.

Vediamo.

La prima cosa da vedere è se mordere fa parte dell’etogramma dei cani.

E qui la risposta è sì, i cani hanno fior di denti che non sono lì per bellezza.

Il che, è bene ricordare, non vuol dire che siano lì per essere usati a caso: uno dei primi importantissimi insegnamenti che i cucciolini imparano dalla mamma e dai fratellini è proprio l’uso dei denti.

Il fatto è, come spiega la Dottoressa Ilana Reisner, che nella normalità dei cani non c’è il mordere senza ragione: Se un cane morde ha i suoi motivi.

Che gli umani non sappiano che li ha o non li riconoscano non vuol dire che non ci siano.

Nella normalità dei cani c’è anche avvertire quando qualcosa li disturba e se quel disturbo non è rispettato e smontato, ci sono reazioni e le reazioni possono comprendere il morso.

Anche qui, che gli umani non si rendano conto che i cani sono a disagio e a fronte di una reazione anche violenta si sorprendano pensando che sia senza ragione, non vuol dire che i cani non abbiano segnalato e che la reaziona non abbia le sue ragioni.

Per tornare al caso iniziale, il cane che ha morso può averlo fatto perchè quello che si è trovato davanti era l’ultimo arrivato in una giornata piena di stress e non ne poteva più (nulla di diverso dal prendere a male parole la dolce metà umana che ha chiesto come stai perchè, carico a molla da una giornata pesantissima, il suo interloquire, seppure del tutto innnocente, è l’ultima goccia che fa travasare il vaso), oppure può aver morso perchè si sentiva male, non aveva nessuna voglia di uscire e lo hanno portato fuori comunque, oppure può aver morso perchè odia quel giardino in cui lo portano sempre e quel giorno non lo tollerava proprio. I motivi possono essere infiniti.

La D.ssa Reisner citata all’inizio evidenzia come i cani possono anche cambiare rapidamente idea sulle interazioni che hanno con le persone o con gli altri cani. Non è detto ad esempio che un cane che è tranquillo con una persona seduta non sia profondamente disturbato, tanto da mordere, quando quella stessa persona si alza in piedi.

Detto questo, se anche per i cani il morso può essere normale, una di quelle manifestazioni dell’essere animali dei cani, è difficile trovare un umano, anche tra i proclamatori de ‘i cani devono fare i cani‘, per cui non è un problema e visto che i cani vivono in una società di umani, è una cosa che tocca gestire. Come si fa?

Intervenire a posteriori, ad esempio sgridando, non è una vera opzione.

E quindi?

Ricordardo che:

  • se mordono i cani normalmente hanno un motivo
  • i cani normalmente comunicano che hanno un disagio, da cui può derivare il morso
  • i cani dipendono totalmente dagli umani

Bisogna prevenire, ossia non mettere i cani nella condizione di disagio da cui potrebbe scaturire il ricorso al morso. Chi lo deve fare sono gli umani, da cui i cani dipendono totalmente.

Gli umani hanno la responsabilità di conoscere i loro cani, riconoscere i loro disagi, tutelarli, e così facendo si prevengono anche le situazioni di rischio.

Per vivere bene insieme cani e umani, nelle nostre somiglianze e diversità, con l’incredibile arricchimento reciproco che la convivenza può dare, non si deve pensare in termini dominanza e capobranco, non ci deve essere giudizio, ci devono essere responsabilità e rispetto.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.