3 motivi per cui il cane non fa quello che gli chiedi

Chiedere non vuol dire ottenere. Vale per gli umani e vale per i cani eppure nella relazione con i quadrupedi, i bipedi sembrano non considerarlo.

L’idea è che ai cani si comanda e loro obbediscono.

Quando non lo fanno ci sono problemi. Se l’animale è (relativamente) fortunato viene giudicato ottuso, stupido, o magari testardo ma il più delle più volte non sono fortunati e vengono sentenziati dominanti e da sottomettere 델파이 7.

Di dominanza e sottomissione abbiamo parlato tra gli altri qui e qui, oggi ci soffermiamo su alcune delle vere ragioni per cui i cani non fanno quello che viene chiesto loro.

Vediamo tre tra le principali.

Il cane non capisce cosa vuole l’umano

Una delle ragioni principali per cui i cani non fanno quello che si chiede loro è perchè non capiscono la richiesta left 4 dead 다운로드. E non è che non capiscono perchè sono stupidi.

Un motivo per cui possono non capire è che non conoscono bene la richiesta, l’insegnamento non è stato sufficiente o la richiesta viene fatta in un contesto diverso rispetto a quello in cui è normalmente avanzata. E’ anche possibile che ci siano distrazioni nuove e diverse.

Insegnare alla creatura una richiesta in più situazioni serve al peloso per riconoscerla in più contesti e quindi per poterla replicare 효도 mp3.

Un altro motivo per cui possono non rispondere a una richiesta è che il modo in cui viene presentata non è il più adatto per loro (questo vale particolarmente nelle fasi di insegnamento). C’è chi si trova bene con le parole, chi ha più naturalezza con i gesti, chi rende meglio con un misto di gesti e parole o magari qualche altro modo 보이스노트2 다운로드. Comunicare nel modo più adatto alle specificità della creatura facilita ovviamente la comprensione e quindi poi la soddisfazione reciproca.

Un po’ come descrive Larson nella sua meravigliosa vignetta

Comunicare con il cane nel linguaggio che capisce meglio ne favorisce l’apprendimento

Come è fatta la richiesta

Vogliamo parlare delle vere intenzioni dell’umano che chiede? Abbiamo visto che gli umani comunicano con i cani anche senza accorgersene e spesso succede che gli umani chiedano al cane di fare qualcosa ma quella richiesta non coincida con le vere intenzioni, che sono quelle a cui il cane risponde Office 2013 32-bit. C’è poco da sorprendersi se ci sono incomprensioni.

E come dimenticarsi del modo in cui è fatta la richiesta. Stress, paura, rabbia, ansia, preoccupazione, negatività in generale portano il cane a concentrarsi sullo stato d’animo dell’umano più che su quello che chiede 윈도우7 디스크 이미지.

La motivazione

Lo dico io e quindi lo devi fare‘. Anche no. Come dicevamo all’inizio, non basta chiedere per ottenere.

C’è la questione del come è fatta la richiesta, della intenzione vera dietro la richiesta, e c’è la questione del perchè il cane dovrebbe rispondere, quale gratificazione ottiene dal fare quello che gli viene chiesto 한글 윈도우 98 iso?

L’idea generale è che la gratificazione principale dei cani sia il cibo, motivo per cui gli snackini sono regolarmente usati per premiare i cani che si comportano ‘bene’. Se anche il cibo è tendenzialmente molto apprezzato (anche se non da tutti e non per tutti ha lo stesso valore), non è l’unica motivazione.

Quanti sanno che è scientificamente provato che per i cani l’apprezzamento dei loro umani vale più di qualsiasi altra cosa, anche del cibo 유튜브 오디오?

Quanto lontano possono portare complimenti, carezze, attenzioni, e attività fatte insieme con l’umano! Più lontano ancora di un sacchetto di salsiccine.

Le distrazioni

Oh le distrazioni!

Come si fa a resistere al richiamo della pozza fangosa o delle produzioni selvatiche o dell’uccellino che svolazza sull’albero o della pipì di femmina in calore 겁쟁이 다운로드? Impossibile. Anche per i cani vale il famoso aforisma di Oscar Wilde ‘Posso resistere a tutto meno che alle tentazioni‘.

Le tentazioni sono un bel problema sia nella fase iniziale dell’apprendimento (fase inziale perchè, come per gli umani, anche per i cani nella vita c’è sempre da imparare) sia più avanti quando ci si trova in situazioni in cui è essenziale che il cane ascolti ma ha ben altro per la testa.

Nella fase dell’apprendimento il peso delle distrazioni va calcolato e gestito. Un metodo è introdurre i vari insegnamenti in ambienti con poche o nessuna distrazione e poi, per evitare il problema di cui al punto iniziale, progressivamente lavorare in contesti più naturali 12월의 기적.

A richieste imparate e relazione solida, alcune tentazioni peseranno più dell’umano e le sue richieste, altre meno, e bisogna metterlo in conto.

Uno dei motivi per cui si deve sempre avere controllo dei cani è che non si può mai avere la certezza che non si presenti qualcosa che li faccia scattare tanto da non sentire più niente e nessuno e così facendo mettano in pericolo se stessi e/o altri.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.