I cani sono come figli, ecco perchè

I cani sono cani, non sono persone e non sono bambini‘ (e, non necessariamente esplicitato ma sottinteso ‘Io sono un/a fico/a perchè so cosa sono i cani e li tratto da cani e voi siete poveretti ignoranti).

Quanti proprietari hanno subito simili perle di saggezza? Almeno una volta, probabilmente molte di più, quasi tutti.

Della delicata questione del trattare i cani da cani ci siamo occupati, tra gli altri, qui e qui, mentre dei cani che non sono umani ma sono umanizzati ci siamo occupati qui.

Del tema cani come bambini e come figli ci occupiamo oggi.

Il fatto è che i cani non sono bambini ma sono come bambini e per i proprietari sono come figli.

Non è una questione di antropomorfizzazione, non lo dico io, non lo dicono i fanatici, non lo dicono i gentilisti. Lo dicono numerose ricerche scientifiche.

Vediamo.

Partiamo dai piccoli di cane, che piangono come i bimbi, sono delicati e fragili come i bambini, si stancano, sono dipendenti, devono sviluppare il fisico e la mente, imparare le competenze necessarie per vivere nel mondo degli umani, hanno bisogno di essere rassicurati, rincuorati, coccolati, accuditi, sostenuti, nutriti, curati, guidati, educati, preparati alla vita, l’attenzione della mamma è cruciale per il loro sviluppo così come le esperienze che fanno da piccoli influiscono pesantemente sulla loro crescita e sulla loro visione del mondo. Il parallelo con i piccoli umani è abbagliante.

E’ scientificamente provato che lo scambio di sguardi tra cane e proprietari genera un alzamento del livello di ossitocina – detta anche l’ormone dell’amore – in entrambi. Lo stesso fenomeno che si verifica quando mamma umana e figlio/a umano/a si guardano. L’ossitocina serve per sviluppare il legame tra madre e figlio/a.

C’è poi il tema del legame di attaccamento che in psicologia, riferito al legame tra genitori e figli, viene descritto con quattro componenti:

  • L’effetto base sicura per cui il legame con la figura di riferimento permette al bambino di andare alla esplorazione del mondo
  • L’effetto safe heaven per cui i bambini cercano la figura di attaccamento per essere rassicurati quando qualcosa li preoccupa
  • Soffrire la separazione involontaria dalla figura di attaccamento
  • Stare vicino e resistere la separazione della figura di attaccamento

Diversi studi hanno mostrato che nella relazione tra cani e proprietari

  • Esiste l’effetto base sicura – la presenza della figura di attaccamento da ai cani quello di cui hanno bisogno per andare in esplorazione del mondo in cui vivono
  • Esiste l’effetto safe heaven – nei cani, la presenza della figura di riferimento aiuta ad attenuare gli effetti di un evento stressante.
  • Nei cani, l’allontanamento della figura di riferimento genera comportamenti che indicano che l’animale soffre lo stress della separazione
  • I cani cercano le loro figure di riferimento quando devono affrontare situazioni difficili e stressanti.

Non solo, è stato scoperto che la dipendenza dei cani dagli umani stimola nei proprietari il sistema di cure ed attenzioni che normalmente hanno i genitori nei confronti dei figli.

In sintesi, numerosi studiosi, tra cui il celebre etologo József Topál, hanno stabilito che il legame di attaccamento che si crea tra cani e proprietari ha le caratteristiche di quello che si crea tra genitori e figli e pertanto è comparabile a quello tra figli e genitori.

Una differenza dei cani rispetto ai figli umani è che l’effetto base sicura offerto dalle figure di riferimento rimane anche da adulti mentre negli umani è limitato all’infanzia.

Concludendo, quindi: I cani non sono bambini, ma sono come bambini e sono come figli, e a renderli tali sono la loro natura, la natura del legame che si crea con i loro proprietari e la responsabilità enorme che i proprietari hanno nei loro confronti.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.