Il senso del tempo nei cani

Un aspetto dei cani che incuriosce molto è l’apparente contrasto tra logica e esperienza.

La logica fa pensare che i cani non possano sapere l’ora, l’esperienza dice il contrario. Quante storie ci sono di cani che svegliano i proprietari sempre alla stessa ora, oppure arrivano a chiedere la pappa quando è ora di mangiare, oppure che arrivano con il guinzaglio quando è quasi l’ora di uscire, etc. etc.

E’ l’ora della pappa!

Come si spiega?

La realtà è che i cani hanno il senso del tempo.

Non sanno l’ora, ma hanno il senso del passare del tempo.

Secondo gli studiosi i cani sanno se è passato poco o tanto tempo da quando è successo qualcosa e in più, visto che associano situazioni ed elementi – elementi di cui gli umani sono spesso inconsapevoli – ‘sanno’ che qualcosa sta per accadere. Questo vale particolarmente per i cani che hanno una vita in cui gli eventi sono scadenzati in modo regolare.

Ci spieghiamo meglio.

I cani si rendono conto della quantità di tempo che è passato sulla base del variare dei fenomeni esterni che percepiscono – la luce del giorno, i rumori della città o delle abitazioni vicine, i rintocchi delle campane e così via.

Si rendono conto di quanto tempo che è passato anche in base a fenomeni interni come l’aumentato senso di fame, il bisogno di fare la pipì, la noia, etc.

L’associazione tra eventi che si ripetono regolarmente e i ritmi cicardiani fa sì che i cani riescano anche ad anticipare l’arrivo di eventi.

Ad esempio: sono le 6:30, dall’esterno entra una luce di un certo tipo, l’umano si alza, accende la luce nel corridoio, si veste, e imbraga il peloso. E’ l’ora della prima uscita della giornata. Dopo un po’ di volte che la routine è ripetuta, il cane quando vede quella luce, oppure vede l’umano che si alza e fa certe cose, pur non sapendo che ore sono, sa che è l’ora in cui si va al parco.

E’ importante qui ricordare qui che i cani percepiscono elementi e fenomeni – suoni, odori, rumori, luci, emozioni, onde magnetiche – di cui gli umani non si rendono nemmeno conto e associano l’accadere di determinate cose – la pappa, l’uscita, il ritorno degli umani – a quegli elementi e a quei fenomeni e percependo elementi e fenomeni anticipano l’accadere delle situazioni a cui quegli elementi e quei fenomeni sono associati.

In una recentissima ricerca, l’esperta cinofila americana Alexandra Horowitz aggiunge un’altro elemento alla comprensione del senso del tempo da parte dei cani e spiega che i cani ‘odorano il tempo‘.

istock-480746515

I cani odorano il tempo

Considerato che l’olfatto dei cani è un prodigio sensoriale, non è così sorprendente che i pelosi associno odori e cambiamenti negli odori a determinati eventi e quindi, di fatto, al tempo che è passato e quindi anche a cosa sta per succedere.

Si ritiene sappiano anche che un odore forte vuol dire nuovo (= meno tempo) mentre un odore più debole vuol dire più vecchio (= più tempo).

Un esempio dovrebbe chiarire la questione: quando si esce di casa si lascia – almeno per il sensibilissimo naso dei cani – un odore, che con il passare del tempo si affievolisce.

Nella sua vita il cane potrebbe aver imparato che l’odore forte vuol dire che l’umano è uscito da poco (e quindi, poco tempo che sono da solo) e che l’odore debole vuol dire tanto tempo che l’umano è uscito (e quindi, tanto tempo che sono da solo) e l’umano che è uscito da tanto vuol dire, se tutto va come dovrebbe, umano che sta per tornare a casa e, quindi, eccitazione, emozione, attesa di fronte alla porta, e tutti quei comportamenti incredibili che ci lasciano sempre senza parole.

istock-486746533

I cani sanno quanto tempo sono rimasti da soli

Come si può dedurre da quanto scritto sopra, una implicazione importantissima del fatto che i cani hanno il senso del tempo è che si rendono conto di quanto tempo rimangono da soli e visto che per loro stare da soli non è normale, si conferma quanto sia fondamentale gestire correttamente il loro rimanere da soli a casa.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.