Racconto di un’aggressione

Noi abitiamo in una piazza pedonale e un’abitudine di molti proprietari di cane dei dintorni è arrivare in piazza e lasciare sciolti i loro animali ksl 맵 다운로드.

Questo spesso vuol dire che abbiamo difficoltà a rientrare a casa perchè cani sciolti e proprietari indifferenti = rischio e Oban così delicato e aggredito più volte deve essere protetto 엘 캐피 탄 iso. Il che significa continuare a girare fino a che i cani sciolti per la piazza non sono legati (raro) o se ne vanno e noi possiamo passare senza pericolo Download oricon chart.

L’altra sera siamo usciti un po’ più tardi del solito, faceva un caldo terrificante per cui eravamo un po’ provati e meno attenti del solito e non abbiamo notato fino a che non è stato troppo tardi che c’erano due cani sciolti di fronte al nostro portone 화살표 브러쉬. Uno era un meticcio di dimensioni medio-piccole e l’altro un maltese (minuscolo quindi). Oban era al guinzaglio come sempre.

Il meticcio appena ci ha visti si è irrigidito e ha iniziato ad avvicinarsi – sguardo, postura e suoni che emetteva indicavano chiaramente che non aveva buone intenzioni – mentre la padrona lo chiamava mollemente per nome 사다리분석기. Lui con la preda in testa se ne è sbattuto ampiamente e ha continuato l’avvicinamento.

Noi non potevamo più tornare indietro – con un cane che si avvicina minaccioso non puoi girarti e allontanarti – per cui abbiamo proseguito chrome internet video. Oban era preoccupato ma molto controllato.

Mancavano pochi metri alla destinazione e abbiamo sperato che bastassero per rientrare senza danni ma non abbiamo fatto in tempo ad arrivare al portone che un missile bianco si è avventato sul collo di Oban – era il maltese 사키 포터블! – mentre il meticcio lo attaccava sulla schiena.

Io gelata e Oban aggredito ma al guinzaglio era impossibilitato a difendersi per cui abbiamo dovuto aspettare che i due proprietari notassero cosa stava succedendo e si decidessero ad intervenire 한워드. Cosa che finalmente hanno fatto strappando via i loro cani.

Dalle loro bocche non una domanda su come stava Oban nè una parola di scuse index.php 다운로드. Ci hanno dato le spalle e hanno ricominciato a chiacchierare tra di loro come se non fosse successo nulla.

Noi non abbiamo detto nulla, Oban era molto scosso per cui lo abbiamo portato subito a casa dove lo abbiamo confortato e coccolato preoccupati che le aggressioni lo avessero segnato tanto da riaprire le ferite (psicologiche) che il lavoro di questi anni sta aiutando a curare 페도라 20.

E’ stato tutta la notte in camera con noi quando di solito dorme da solo e la mattina quando siamo usciti era ancora molto teso e agitato. C’è voluto un altro giorno perchè si tranquillizzasse.

Noi umani una volta calmati, e c’è voluto un po’, abbiamo ragionato sull’accaduto.

Un cane aggredito ha diritto di difendersi e in questo caso, pur essendo piccolo e sottopeso, Oban è ben più grande dei suoi aggressori e in più ha una pelliccia molto spessa per cui in uno scontro alla pari (inteso come tutti sciolti, lui come gli altri) i due che lo hanno attaccato potevano uscirne molto male.

I due proprietari avevano una idea del rischio a cui si sono esposti i loro cani o hanno pensato che visto che sono più piccoli Oban doveva essere trattenuto mentre i loro facevano quello che volevano?

E come si sarebbero comportati se avessi lasciato che Oban si difendesse? Avrebbero accettato le conseguenze della loro irresponsabilità o avrebbero fatto scene isteriche che sarebbero sicuramente finite in una rissa sgradevolissima? Tutto fa pensare la seconda delle due.

I proprietari che tengono i loro cani come se fossero i soli al mondo, indifferenti a tutto ciò che li circonda, oltre che incivili sono un vero problema per gli altri, per loro stessi e per i loro cani perchè non solo provocano situazioni difficili ma possono uscirne, essendone oltretutto colpevoli, molto male.

E in più non imparano nulla: una dimostrazione è che la mattina dopo l’aggressione, entrambi i cani che hanno attaccato Oban erano di nuovo di fronte al nostro portone, sciolti e con i loro proprietari intenti ad occuparsi di altro.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.