Perchè i cani si odorano il sottocoda

Un comportamento tipico di due cani che si incontrano è odorarsi il didietro e da lì poi si vede, se si piacciono magari si invitano a giocare, se si trovano poco interessanti si ignorano, se non si piacciono, dipende da come sono i cani anche se generalmente una odorata condotta fino in fondo e in modo pacifico tra due cani ben socializzati previene potenziali aggressioni.

Cani non adeguatamente socializzati o che non conoscono le buone maniere canine invece di usare il naso per conoscere tendono ad usare gli occhi e lo sguardo e provocare così reazioni negative da parte del destinatario delle attenzioni. Nel mondo canino fissare e guardare negli occhi è un segnale di sfida e come tale sarà gestito da chi lo riceve.

Considerato che i cani non fanno nulla per caso – anche quando abbaiano a quello che sembra il nulla in realtà c’è un motivo – perchè si accolgono cacciando il naso lì dove non batte il sole?

La risposta è che odorando il didietro imparano tante cose sull’altro cane – il suo stato d’animo, la sua salute, il suo carattere, la sua dieta, il suo sesso, e tantissimo altro.

Le informazioni sono contenute nelle secrezioni delle ghiandole anali, sostanzialmente feromoni, e chi odora, tramite l’organo del Jacobson o organo vomeronasale, un organo di senso olfattorio ausiliario che è posizionato nella cavità nasale ma è separato dall’epitelio olfattivo, li capta.

Potremmo definire i feromoni  ‘messaggeri chimici’ perchè trasmettono le informazioni tra individui della stessa specie, in questo caso tra i cani che si incontrano.

Volendo fare un paragone un po’ azzardato potremmo dire che le ghiandoline anali e il naso per i cani sono l’equivalente degli smartphone per noi umani e i feromoni sono, alll’ennesima potenza, quello che per noi è la nostra pagina Facebook.

Ogni cane ha il suo odore per cui è difficile trovare di meglio di una buona odorata di popò per conoscerlo.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.