Piccolo, così non ci si comporta

Gli adulti hanno un ruolo fondamentale nella ‘preparazione’ di un cucciolo alla vita e la prima a svolgere questo compito è la madre, che più o meno durante il secondo mese di vita insegna ai piccoli concetti educativi molto importanti come la gestione della frustrazione e la rinuncia, l’inibizione al morso, e a non agitarsi troppo (Cinzia Stefanini, nell’intervista sull’educazione dei cani) 슈퍼슬램. I piccoli poi impareranno molto nell’interazione con gli altri cani.

I cani hanno una stessa lingua valida ovunque nel mondo e condividono le regole su come ci si comporta e si interagisce 컨저링2.

Gli adulti correttamente cresciuti conoscono la lingua e le regole mentre i piccoli ancora non conoscono la lingua e non sanno nemmeno che esistono le regole perchè il modo in cui interagiscono tra loro tra i grandi sarebbe inaccettabile Cubase 9.

Un esempio è emblematico è il seguente: i cuccioli si calpestano, frequente è che uno salti sull’altro che magari sta dormendo, gli passi sulla testa, e dopo essere atterrato poco più avanti trovi il compagno sveglio, contento e pronto al gioco code Ignator. Ben diversa è la reazione che ottiene se fa la stessa cosa con un cane adulto: gli passa sulla testa, lo sveglia e quando si gira trova una fila di denti ben esposti e una colonna sonora di ringhio forte e profondo 풋볼매니저. Il piccolo potrebbe rimanere sorpreso ma gli è chiaro che non si tratta di un invito al gioco e impara che passare sulla testa degli altri cani non è un comportamento da ripetere 웹 페이지 통째로.

Altri insegnamenti importanti sono non rubare i giochi degli altri, non rubare il cibo degli altri, non infilarsi nella ciotola di un altro mentre sta mangiando, non saltare addosso, non mordere le orecchie e la coda, non avvicinarsi ad un altro cane arrivando a tutta velocità frontalmente con testa, collo e schiena dritti e guardando negli occhi, non fissare dritto negli occhi Download Helldivers.

I cani sono invidui a sè ognuno con il suo carattere e anche la sopportazione dei piccoli varia – ci sono quelli che accettano di più e quelli che non li sopportano proprio c# 엑셀 파일 다운로드. In generale però ai piccoli è concesso un certo margine di tolleranza ma già a 3 mesi fino ai 6 sono redarguidi con vocalizzi e comportamenti ben evidenti in modo che da adulti non ripetano più il comportamento sbagliato Pulse Day. In altre parole, è la sgridata sonora ma indolore ricevuta a questa età che insegna loro il galateo canino.

A questo proposito è importante sottolineare che tanto è corretto lasciare che il processo di educazione tra cani avvenga naturalmente, tanto lo è conoscere il proprio cane e se è di quelli che non non tollerano i cuccioli è fondamentale, se non addirittura evitare che li incontri, quantomeno monitorare attentamente quando interagisce con loro perchè potrebbe reagire fuori misura agli ‘sgarbi’ che riceve e in quel caso avere effetti negativi e non positivi sul piccolo 레이디안 다운로드.

E’ interessante ricordare che alla base di tante sceneggiate anche tra cani adulti c’è la maleducazione – intesa come mancanza di conoscenza di come ci si comporta nel mondo canino. E qui dovremmo includere, e approfondire anche il capitolo sull’importanza della comunicazione perchè uno può anche essere il cane che conosce meglio di tutti le regole canine ma se non riesce a comunicare correttamente con gli altri è praticamente certo che sarà frainteso e dalle incomprensioni nascono sempre problemi.

Chiudiamo con quella che è una delle situazioni classiche dei parchi: il proprietario di un cucciolo lo porta con disinvoltura dove ci sono cani adulti, il piccolo fa qualcosa che genera nel grande una reazione all’apparenza terribile – ringhia, mostra i denti, e molto probabilmente sovrasta anche il cucciolo che oggetto di tante sgradite attenzioni tace o emmette squittii molto acuti e la situazione degenera perchè il padrone del cucciolo interpreta quello che sta accadendo come una pericolosissima aggressione per cui interviene a difesa del suo piccolo lanciandosi prima contro il cane aggressore (rischiando così anche di farsi male) e poi, spesso con minacce, contro il suo proprietario.

La dimensione canina, e quindi quella che dovrebbe contare, è invece molto diversa: con gli squittii, che a volte sono emessi anche molto prima che il cane adulto arrivi a toccarlo fisicamente, il piccolo vuole dire “scusa scusa, non volevo” mentre con la scenata, che più è clamorosa minore è l’intenzione del cane di fare male, il cane adulto sta dando il messaggiocucciolo, così non ci si comporta e prima impari meglio è’. Se l’intensità della sgridata è corretta si dovrà osservare il comportamento conseguente del cucciolo, che dovrà essere rispettoso ma non impaurito.

Ringraziamo tantissimo Cinzia Stefanini grazie al cui contributo abbiamo potuto scrivere questo contenuto.

Commenti

comments

Share:
Lauretana
Written by Lauretana
La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.