Una storia d’amore

Ti voglio bene (è un po’ sussurato perchè ha un ottimo udito).

La dichiarazione è accolta con sguardo interrogativo, testa inclinata, e orecchie più o meno pendule, sembra che stia aspettando qualcosa invece di averla appena ricevuta. No no, non sto parlando della mia dolce metà – le sue orecchie ancora non sono pendule 🙂 🙂 – ma del nostro quadrupede con cui insistiamo a comunicare (anche) a parole.
Che gli vogliamo tanto bene da essere quasi assurdo è certo, che gli parliamo anche se le parole non sono il suo forte è ugualmente certo. Ma perchè mai? Condivido il processo di ragionamento con cui provo a spiegarmi queste due cose, partendo dalla prima e dal saluto.
L’anno passato ci ha lasciato il nostro primo cane, si chiamava Eduard ed è stato il nostro compagno per 9 anni. Abbiamo sofferto così tanto che non lo non avrei creduto possibile se non lo avessi vissuto di persona. La ragione è che da quando lo abbiamo preso al canile già grandicello (aveva 10 mesi circa) e molto riservato ci siamo pian piano conquistati a vicenda e lui è progressivamente diventato parte integrante della nostra vita pratica e affettiva – lo abbiamo portato sempre ovunque, anche quando ci siamo sposati era in mezzo a noi due! –  e quando se n’è andato ci ha lasciati con un vuoto che sarà per sempre incolmabile.
Perchè la verità è che l’affetto è il centro della vita canina e con un essere che non comunica a parole il rapporto che si stabilisce è solo di sentimento e può diventare intensissimo. I cani hanno bisogno di affetto, lo chiedono a modo loro e la relazione si stabilisce quando uno li capisce, riesce a dare loro quello che cercano e loro premiano lo sforzo che hai fatto facendoti sentire molto speciale. Una vera storia d’amore.

Diverso è il motivo per cui intavoliamo con loro discorsi a parole che sono necessariamente a senso unico. Forse si spiega solo con la soddisfazione di poter dire quello che si vuole ed avere dall’altra parte qualcuno che sente ma non contraddice!

Condividi

Lauretana

La mamma umana di Oban, autrice di Senti chi Abbaia. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.

Back to top
error: Content is protected !!