Conoscere e Capire i Cani

L’età dei cani: l’adolescenza

Lauretana
Scritto da Lauretana

Anche i cani passano per l’adolescenza

Il peloso ha tra i 4 e i 18 mesi e quasi da un giorno all’altro passa dall’essere un meraviglioso frugolo a una specie di selvaggio che:

  • ha dimenticato cosa vuol dire ubbidire
  • ascolta solo quello che vuole
  • ha la mente che vaga
  • non si concentra, sembra non voler imparare nulla
  • a volte fa la pipì in casa
  • monta gli altri cani, o anche le persone e le cose
  • è rissoso con gli altri cani
  • sembra voler testare la pazienza e la tolleranza dei suoi umani
  • inizia a marcare il territorio
  • ha sbalzi ormonali
  • è irritabile
  • e altri comportamenti spiacevoli di vario genere

Il quadrupede è entrato nell’adolescenza! Gli mancano solo i brufoli sul muso e la somiglianza con gli umani è completa 🙂

L’adolescenza canina arriva ad età diverse a seconda della taglia del quadrupede

Proprio come per i ragazzi e i loro genitori, anche per i cani e i loro proprietari l’adolescenza è complicata, tanti proprietari si sentono sopraffatti dal cane adolescente e tanti problemi possono nascere (secondo alcune ricerche negli Stati Uniti, non è un caso che la grande maggioranza degli abbandoni è di cani in età adolescenziale).

L’inizio e la durata dell’adolescenza canina varia in base alla taglia del cane: i cani piccoli maturano molto prima – per loro è possibile parlare di adolescenza già a 4 mesi – mentre i cani grandi maturano più lentamente e per loro l’adolescenza può arrivare anche a 18 mesi.

Da un certo punto di vista si può dire che l’adolescenza è quel periodo nella vita del cane e nella relazione tra il quadrupede e i suoi umani in cui tutto viene in messo in discussione il peloso deve trovare sè stesso, capire chi è e stabilire come ci si comporta – e perchè la situazione non sfugga di mano e il treno della crescita deragli verso brutte direzioni, il proprietario è fondamentale.

Il suo ruolo deve essere quello di genitore (non di capobranco e men che mai di dominatore) che accompagna, guida e indirizza il cane in questa fase della sua crescita così che la creatura impari le regole e sviluppi le competenze necessarie per affrontare la vita con responsabilità e serenità e così anche da sviluppare una relazione forte e basata sulla fiducia e sul rispetto reciproci.

Cosa vuol dire praticamente:

  • Avere pazienza: ricordarsi che le follie, in qualsiasi forma si manifestino, sono parte del pacchetto peloso e che non esistono soluzioni nè facili nè immediate. Si tratta di affrontare, e superare, una fase complicata.
  • Andare a scuola: si dice che non si smette mai di imparare e l’adolescenza non è certo il momento per ridurre le occasioni di apprendimento.
  • Continuare con la socializzazione che iniziata da cucciolo è essenziale prosegua: avere esperienza positiva di quante più cose – cani, persone sconosciute, situazioni, mezzi di trasporto, etc. etc. – serve per acquisire competenze e sicurezza. Un cane che sa come si affrontano le situazioni ed è sicuro di sè e dei suoi umani è un cane sereno ed è un cane che ad esempio non ha bisogno di litigare inutilmente con gli altri cani, che non ha problemi ad incontrare persone nuove o ad andare ovunque ci sia bisogno.
  • Lavorare per rafforzare la relazione: giocare insieme, stare insieme, divertirsi insieme, imparare insieme e crescere insieme.
    Fare esercizio: gli adolescenti hanno tanta tanta energia addosso che ha bisogno di essere sfogata, usarla al meglio con le giuste attività fisiche e mentali è super importante.
  • Avere senso dell’umorismo: particolarmente nell’adolescenza, i quadrupedi sono capaci di fare cose su cui si riesce a passare su solo grazie a una buona dose di senso dell’umorismo.
  • Impegnarsi, dedicarsi e avere flessibilità: anche l’attraversamento dell’adolescenza non è tutto in discesa ma c’è una certezza, impegno, dedizione, buon lavoro e amore sono riccamente premiati.
  • Essere positivi: le interazioni con il cane devono essere piacevoli sia per la creatura sia per i suoi umani. E’ utile ricordarsi come i cani sono sensibili agli stati d’animo degli umani e come rispondono bene alla positività e al contrario come rispondono male alla negatività
  • Saper chiedere aiuto: se si ha l’impressione che la situazione stia sfuggendo di mano, non esitare a rivolgersi ad un educatore cinofilo professionista serio e preparato che seguirà in questo percorso e saprà fornire strumenti utilissimi per relazionarsi al meglio con il quadrupede.

Tutto questo con una certezza: Ne vale veramente la pena.

Gestita correttamente, accompagnare il cane nella sua crescita è un’esperienza bellissima, super arricchente e gratificante per l’umano, per il cane e per la relazione umano-canina.

Commenti

comments

Qualche info sull'autore

Lauretana

Lauretana

La mamma umana di Oban. Ama la montagna, leggere e scrivere, ha un debole per la mozzarella. Pensa che i cani siano creature straordinarie e la vita con loro un'esperienza meravigliosa. Come il suo peloso, è riservata e abbastanza timida. Tra i suoi amici più cari, due quadrupedi, Baffina, che abita vicino a casa, e Robin, che è andato in cielo e resterà per sempre nel suo cuore.

Questo sito utilizza i cookie per garantirti una navigazione ottimale. I cookie sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close