Cani e padroni: quanto ci assomigliamo

Io ho le orecchie flosce, quattro zampe che uso in orizzontale (nel senso, non sono come gli orsi che ne hanno quattro ma stanno anche su due), la coda, e la pelliccia. Sono un cane!
Quando ero piccolo pensavo che fossero tutti come me e visto che non ho un forte senso del colore ho scoperto solo un po’ avanti che la mia mamma (è lei nella foto, non è bellissima? Io ho preso le zampe e l’espressione del muso da lei) e qualcuno dei miei fratelli era bianco e nero ma diciamo che non mi ha fatto molta differenza.

La sorpresa c’è stata quando sono arrivato nella nuova casa e mi sono accorto di essere l’unico con queste caratteristiche! Questo sì che era inaspettato.

Poi ho scoperto che c’erano altri simili a ma non proprio uguali, magari con il pelo corto, le orecchie dritte o più grandi, con il pelo ruvido e via dicendo, ma cani anche loro! Ho anche sentito parlare di gatti ma ancora non ne ho incontrati per cui non posso esprimermi su di loro, magari ci assomigliamo. So solo che sono felini per cui immagino siano diversi da noi cani.

In tutto il mondo gli adolescenti si copiano tra di loro per sentirsi accettati e far parte del gruppo e anche noi cani arrivati a quell’età abbiamo lo stesso problema ma è più difficile da risolvere rispetto agli umani. Non abbiamo i vestiti e le scarpe da poter cambiare e copiare per cui la nostra adolescenza è un test molto duro di accettazione di noi stessi. Immaginatevi voler essere come gli altri e non poter fare niente! 🙁

Una volta superata però si apre un mondo meraviglioso in cui il nostro sogno segretissimo si realizza: assomigliare ai nostri padroni!

Noi cani abbiamo una grande capacità di adattamento – gran parte delle persone sostiene che siamo abitudinari, ed è anche vero, ma se si usa questa nostra caratteristica nel modo giusto si scopre che in realtà abitudine vuol dire adattamento, ossia basta abituarci alla cose e facciamo tutto. Non sono impazzito, ho fatto questa digressione sulle nostre qualità per un motivo che ora vi spiego.

Tutto quello che noi cani vogliamo è fare piacere ai nostri padroni, e siamo adattabili, per cui tocchiamo il cielo con tutte le zampe quando diventiamo come loro. Non su due zampe e con i pollici opponibili, ma con lo stesso carattere e comportamento! Il padrone è dormiglione? Diventiamo i migliori compagni di pisolo al MONDO!; Il padrone è super attivo? Eccoci pronti a correre alle prime luci dell’alba; Il padrone è tranquillo e pacioso? Ronfiamo come ghiri per ore e ore, e così via. Per cui sì, secondo me è vero, i cani assomigliano ai loro padroni.

Finisco però con una vera chicca: anche i padroni assomigliano a noi! Adesso non so se ci scelgono perchè gli ricordiamo loro stessi o ci scelgono inconsapevolmente oppure è un caso, ma fatto è che ci sono tantissime coppie cane-padrone che si assomigliano tantissimo. Al volo mi vengono in mente questi (non faccio nomi per ovvi motivi…): il bassotto a pelo lungo con la testa uguale (non scherzo!) in colore e taglio a quella del suo padrone; il ragazzo  abbronzato e sorridente uguale alla sua bernese; la signora con bassotto biondo dello stesso colore dei suoi capelli.

Per quanto mi riguarda, svelo che i miei padroni non mi assomigliano, sarebbero umani ben strani con la pelliccia bella pezzata e il muso lungo come il mio! ahahahah, mi viene da ridere solo a pensarci, come sarebbero buffi :)) :))

Leccatine (è il mio modo di salutare)
Oban

Commenti

comments

Share:
Oban
Written by Oban

Collie blue merle dalla coda corta, un po’ timido e riservato ma molto tenero, va matto per la pallina, le ragazze e le brioche alla crema. E’ tra i fondatori di Dogdeliver. Blogger per passione racconta agli umani il mondo come lo vedono i cani.